Una campagna che ha sorpreso molti addetti ai lavori: promuovere l’intera Costa Veneta, regno incontrastato del turismo balneare in Italia e in Europa, di quel turismo tutto “sole, sabbia e mare”, attraverso la luce notturna della luna richiamata anche con la frase “I mari della tranquillità…”. L’annuncio viene pubblicato in questi giorni sui maggiori periodici e riviste italiane e oltre alle inevitabili polemiche, quelle di chi non comprende perché non ci sia la consueta immagine soleggiata del tuffo in mare, sta creando interesse e riconoscibilità per il distacco da tutte le promozioni delle località turistiche balneari italiane. Il ricorso ad immagini notturne consente di accrescere il fascino del luogo e comunica curiosità.  Una notte sulla spiaggia, un chiarore lunare che si riflette anche sul mare e ragazzi che si divertono: chi non si lascerebbe andare ad almeno un po’ di nostalgia?

L’Associazione dei Sindaci della Costa Veneta – San Michele al Tagliamento/Bibione, Caorle, Eraclea, Jesolo, Cavallino Treporti, Chioggia, Rosolina, Porto Viro, Porto Tolle –   ha deciso, in questo anno unico e particolare, di osare una campagna estremamente distintiva. Lo stereotipo della luce del sole, dell’acqua del mare e dell’abbronzatura è stato messo da parte per lasciare il passo ad una immagine più tranquillizzante, serena e molto evocativa. È basata sul ricordo, i ricordi più belli o struggenti che ognuno conserva della propria esperienza di vita. Qualsiasi sia la spiaggia, qualsiasi sia il mare. In questo caso, la Costa Veneta è uno scenario perfetto: un insieme di località che si incastonano dentro una ellisse che parte dalla Romagna per arrivare al basso Friuli. Oltre alla poetica dell’immagine scelta, la campagna propone una delle più importanti aree turistiche del mondo: in 150 chilometri oltre 30 milioni di pernottamenti (escludendo la città di Venezia, seconda città turistica d’Italia con oltre 12 milioni di pernottamenti), il 7 % dell’intero dato di presenze turistiche italiane e un numero di strutture alberghiere e all’aria aperta unico in Europa. Unitamente ai periodici, la campagna è stata pianificata anche sulle maggiori testate televisive italiane (RAI, Mediaset, La7): solo spot in prime time, prima dei Tg o di trasmissioni di prima serata. Uno sforzo complessivo molto impegnativo per le risorse dell’Associazione dei Sindaci della Costa che, proprio per il valore del progetto di comunicazione, hanno chiesto e ottenuto la compartecipazione convinta della Regione Veneto, realizzata dall’Assessore al Turismo Federico Caner, e della Camera di Commercio di Venezia e Rovigo, attraverso un rilevante contributo.